Shark Emcee, pioniere del Rap made in Sannio (Benevento), si prepara dopo anni di gavetta a pubblicare il suo primo disco ufficiale come solista. Il brano, prodotto da uno fra i giovani produttori più in vista nella scena campana Nathys, esce su tutti gli store digitali per l’etichetta Dischi Rurali e distribuito da Artist First. Oggi abbiamo avuto il piacere di fare due chiacchiere con lui! 

Ci racconti brevemente chi sei e come hai iniziato a fare rap?

Ciao,sono Shark Emcee,rapper di Benevento. Ho mosso i primi passi nella scena campana nel 2004 circa,quando poco più che 16enne fui “adottato” da un gruppo Rap della mia città già inserito nel circuito underground. Questo mi ha permesso di bruciare le tappe ed inserirmi subito in contesti di livello,dove grazie alla mia attitudine e l’abilità da freestyler, sono riuscito sin da subito a guadagnare il mio spazio.

Come hai scelto il tuo nome, Shark Emcee?

Mi fu assegnato durante il mio primo contest di freestyle. Mi iscrissi con il mio nome di battesimo e dopo il primo round,l’mc della serata si complimentò con me paragonando il mio modo di attaccare l’avversario a quello dello squalo. Mi ci ritrovai in quella definizione e scelsi di usare Shark come aka, aggiungendo “emcee” scritto per esteso per renderlo più personale.

Hai fatto molti progetti in gruppo e qualche singolo come solista. Ma da quando hai iniziato non hai mai pubblicato nessun disco ufficiale. Solo ora arrivano notizie di un tuo prossimo album. Come mai cosi tanto tempo?

Non ho mai sentito l’esigenza di chiudere un disco da solista fino ad ora. Sono un perfezionista e sentivo che prima di poter pubblicare un album avevo bisogno di fare esperienza. In questi anni ho deciso quindi di concentrarmi sui singoli (ed un Ep uscito nel 2012) che mi hanno aiutato a raggiungere traguardi molto importanti. C’è da dire inoltre che in questo periodo storico la musica corre molto veloce e quando provavo a concentrarmi su progetti più lunghi, durante il tempo di lavorazione delle tracce, le cose che producevo già mi suonavano troppo vecchie. Ora dopo tanti anni di esperienza,palchi,collaborazioni e soddisfazioni sento il bisogno di lavorare ad un progetto più grande.

Accussì Mo’ è il singolo appena uscito. Farà parte del disco e se non ho capito male è il primo brano che presenti dell’album. In base a questa scelta, che tipo di album possiamo aspettarci?

Dal punto di vista sonoro,sicuramente un album che suona fresh a livello di beats con un Rap altrettanto contemporaneo, legato allo stesso tempo ad un attitudine Classic per quanto riguarda incastri e flow. Per quanto riguarda gli argomenti ho cercato di racchiudere tante sfaccettature della mia persona toccando argomenti in cui possano rispecchiare gran parte degli ascoltatori.

Quando credi che uscirà? E soprattutto, sarai affiancato dalla tua etichetta di adesso o uscirai da indipendente?

Il disco uscirà per l’etichetta “Dischi Rurali”.Il progetto è a buon punto,le tracce sono quasi tutte pronte,e punto di rilasciare tutto nella prima parte del 2022.

Tornando al pezzo, di cosa parla? E’ autobiografico?

“Accussì mò” è un brano che parla di una relazione terminata ma non ancora conclusa, anche a causa dei social network che rendono difficile la chiusura totale di un rapporto. Non è un brano autobiografico,anche se ovviamente mi sono lasciato ispirare da esperienze vissute.

Come mai la scelta di non fare nessun video?

Perchè mi piace andare contro-corrente. Ho lanciato videoclip dei miei brani (guadagnando anche premi nazionali) quando eravamo in pochissimi a farlo. Oggi che ne escono decine al giorno ho deciso di puntare più sulla musica che sull’immagine.

So che sei pioniere nella tua città Natale. Come si è evoluta li la situazione Hip Hop? Ci sono altri artisti o locali al momento?

Locali Hip Hop non ce ne sono. Abbiamo la fortuna di avere in città però uno dei music club più importanti del centro-sud Italia (Morgana music club) che ci permette di scoprire in anteprima quelli che poi saranno i big della musica italiana,spesso anche per quanto riguarda il Rap. Per quanto riguarda gli artisti,negli ultimi anni noto un bel po’ di fermento sia tra le nuove leve,sia tra ragazzi che ormai da qualche anno sono sulla scena.

Rispetto a quando hai iniziato, se guardi all’oggi cosa pensi della scena Hip Hop?

Penso che sicuramente quando abbiamo iniziato non avremmo mai immaginato che il Rap italiano diventasse più popolare. Spero che oltre alla musica però cresca sempre più la consapevolezza che l’Hip Hop è una cultura,ed in questo sono impegnato in prima linea anche attraverso l’associazione di promozione sociale di cui sono membro: Hip Hopera Foundation.

Grazie per essere stato con noi. Concludo chiedendoti semplicemente cosa fai nella vita a parte il Rap.

Ho vari interessi, per lo più inerenti alla musica e alla comunicazione. Attualmente sono educatore presso un corso di Rap che si svolge nella mia città in insieme al rapper Lucariello, ed inoltre svolgo l’attività di autore di testi per altri artisti (non Rap). Grazie a voi per avermi ospitato,spero che continuiate a seguire la mia musica attraverso i miei social.

Instagram | https://www.instagram.com/sharkemcee/
Facebook | https://www.facebook.com/SharkEmcee1/
Sito web | https://www.dischirurali.it
Instagram | https://www.instagram.com/dischirurali/
Shop | https://www.dischirurali.bigcartel.com/

Share Button